58.00

Codice isbn

978-88-88841-26-7

Categoria:

Descrizione

La crisi del debito sovrano, i grandi processi migratori e tutta la pletora di questioni scaturenti dalla
globalizzazione sempre più compromessa dal recente conflitto in Ucraina, nonché la sempre presente pandemia di Covid-19, pongono al centro degli ordinamenti nazionali e sovranazionali l’esigenza di un dialogo teso ad affermare una nuova dinamica giuridica del diritto amministrativo.
Se tali problematicità inerenti gli ordinamenti evocano i brillanti studi di illustri Autori (quali Santi Romano, Massimo Severo Giannini e Aldo Maria Sandulli), al contempo richiamano l’attenzione sulla nuova veste assunta dal diritto amministrativo. Un ramo del diritto positivo che palesa la propria attitudine ad evolversi continuamente alla luce delle esigenze più attuali e dei tradizionali pilastri istituzionali che notoriamente si compendiano nello Stato, nel potere pubblico e nel giudice speciale.
A ciò si aggiunga come, dinanzi all’attuale processo di fibrillazione normativa e di crisi della pubblica amministrazione, emerge con nettezza il valore della funzione nomofilattica. Questa funzione spetta alle Corti Supreme ed in particolare per quel che attiene la giurisdizione amministrativa, ai sensi dell’art. 99 del Codice del processo amministrativo, all’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato.
Il presente volume, pertanto, intende assumere le vesti di ausilio per gli operatori del diritto (magistrati, avvocati, e studiosi) che vogliano approfondire l’attività della giurisdizione amministrativa nella sua più alta espressione.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’ATTIVITÀ NOMOFILATTICA DEL CONSIGLIO DI STATO X ed.”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *