L'accesso ai documenti Amministrativi con riferimento ai nuovi adempimenti in materia di trasparenza, accesso civico e tutela della privacy

Anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 20/2019, della delibera ANAC n. 141/2019 e della Circolare del DFP n. 1/2019.

Puoi acquistare il corso direttamente dal nostro sito oppure, compila la Scheda di Adesione online e inviala a info@direkta.it

Programma

Roma, 30 Settembre 2019

Docente

Magistrati e professionisti provenienti anche dal mondo istituzionale e accademico incluso rappresentanti dell’Autorità’ Garante per la protezione dei dati personali

Gli Istituti
L’istituto della “trasparenza” e dell’ “accesso civico”: elementi distintivi, differenze normative e concettuali
L’Accesso Civico ai documenti amministrativi: interpretazioni giurisprudenziali

La “convivenza” con la tutela dei dati personali e le norme del Codice della privacy sull’accesso ai dati
Gli obblighi, la disciplina delle procedure e le responsabilità all’interno degli uffici

 

L’accesso ai documenti ai sensi della L. 241/1990 quale procedura residuale

L’accesso ai documenti amministrativi dopo l’introduzione dell’accesso civico

L’obbligo per l’ente di considerare estensibili le regole sull’accesso civico alle istanze di accesso documentale

La mappatura delle ipotesi residuali al cospetto delle quali è possibile richiedere l’ostensione documentale ai sensi della L. 241/1990

L’accesso informale e formale

I presupposti della richiesta di accesso documentale (interesse e legittimazione)

La procedura e la nomina del responsabile del procedimento

L’istruttoria e il coinvolgimento del controinteressato

La conclusione del procedimento: differimento, accoglimento parziale e totale, diniego, mascheramento dei dati, accesso per visione e per estrazione di copia

La motivazione del provvedimento conclusivo

Le ipotesi di non accoglibilità dell’istanza

La gestione del contenzioso e conseguenze in termini di responsabilità penale e amministrativa

L’accesso giudiziale

L’esecuzione delle sentenze in materia di accesso

Casistica specifica in materia di accesso documentale

Analisi di casi specifici in materia di :

  • Accesso ai documenti di gara;
  • Accesso nel pubblico impiego e nel rapporto di lavoro
  • Accesso nei processi di attribuzione di vantaggi economici
  • Accesso nei procedimenti repressivo sanzionatori

 

Docente da confermare

Autorità del garante per la protezione dei dati personali

 

L’Accesso agli atti amministrativi, il nuovo Regolamento Europeo e la tutela della Privacy

La  gestione dei dati protetti dal Regolamento UE 679/2016

Il ruolo del Garante per la protezione dei dati personali, attività, compiti, ispezioni e sanzioni

Il regime sanzionatorio con il Regolamento

Le sanzioni del Garante della protezione dei dati personali in materia di accesso agli atti
Il procedimento e gestione del mascheramento dei dati

Analisi di casi specifici in materia di :

– Sanzioni del  Garante della protezione dei dati personali
– Accesso documentale “indiscriminato”

Roma, 1 Ottobre 2019 

Docente

Avv. Mariastefania De Rosa
Avvocato e Dottore di Ricerca in Diritto Amministrativo, Esperto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, già funzionario giuridico ANAC

Rapporto con gli obblighi di trasparenza e l’accesso civico semplice

La trasparenza quale sinonimo di imparzialità e quale misura trasversale di prevenzione della corruzione
I soggetti tenuti agli adempimenti del “sistema”  delle prevenzione della corruzione e della trasparenza
il ruolo del RPCT

La nomina dei referenti e dei responsabili della pubblicazione
Il Codice della Trasparenza e le Linee Guida Anac

La gestione dei nuovi obblighi di trasparenza e la richiesta di accesso civico “semplice”
I nuovi adempimenti imposti agli uffici pubblici e collegati all’adeguamento dei Piani triennali di prevenzione della corruzione al PNA 2018
La gestione del procedimento da parte del RPCT

Le responsabilità del RPCT
Le responsabilità dei dirigenti per mancato raggiungimento degli obiettivi (Sentenze della Corte Costituzionale Sez. Puglia n.185/2018 e  della Cassazione SS. UU. 333365/2018)

L’accesso civico generalizzato

La distinzione tra accesso civico semplice e generalizzato
L’accesso ai documenti, obbligo di pubblicazione e accesso civico (FOIA)

La gestione della procedura di accesso civico generalizzato

L’individuazione dell’ufficio al quale va inviata l’istanza
Il responsabile del procedimento e adempimenti istruttori
L’individuazione e coinvolgimento dei controinteressati
L’esame delle ipotesi in cui è consentito dichiarare la genericità o l’inammissibilità della richiesta di accesso civico “generalizzato”
La valutazione delle osservazioni dei controinteressati
Le tecniche di redazione del provvedimento finale e di mascheramento eventuale dei dati nel rispetto delle norme del Codice della privacy
Il bilanciamento degli interessi tra i contendenti
Le regole dettate dall’art. 5-bis D.Lgs. 33/2013, dalla determina ANAC 1309/2016 e dalla circolare di Funzione pubblica 2/2017
La fase di integrazione dell’efficacia e il delicato adempimento delle esatte comunicazioni
La richiesta di riesame, l’intervento del potere sostitutivo in caso di inerzia e il riesame al difensore civico
Adempimenti in esecuzione delle richieste di riesame
Il coinvolgimento del Garante privacy nella procedura
Il giudizio dinanzi al giudice amministrativo e adempimenti a carico degli uffici
Le conseguenze dell’inadempimento alle richieste di accesso civico “generalizzato”

Il sistema delle eccezioni procedimentali

Le richieste reiterate

Le richieste vessatorie

Le richieste massive

Le richieste manifestamente onerose

Le richieste generiche ed esplorative

Casistica e giurisprudenza

La recente Circolare del DFP n. 1/2019

Il regime dei costi

La notifica ai controinteressati

La partecipazione dei controinteressati alla fase di riesame

Il termine per proporre istanza di riesame

Gli strumenti a supporto del cittadino

Gli strumenti a supporto degli uffici per la gestione delle richieste FOIA: acquisizione e smistamento richieste, sistema di protocollo e registro degli accessi

Analisi della recente giurisprudenza

La redazione del regolamento e la tenuta del registro degli accessi “civici” sul sito web

Dove

Direkta Srl Roma – Piazza Istria, 3

Quando

30 Settembre e 1 Ottobre 2019

Mattina dalle ore 9:30 alle ore 13:30

Pomeriggio: dalle ore 14:30 alle ore 17:30

Docenti

 

Magistrati e professionisti provenienti anche dal mondo istituzionale e accademico incluso rappresentanti dell’autorità’ garante per la protezione dei dati personali

Costo

Aula e e-learning: 1.150,00 € + Iva

Inviando la scheda di adesione entro il 15 Settembre si avrà diritto a una riduzione del 20% sull’intero costo della partecipazione.

In caso di iscrizioni superiori a 3, per lo stesso ente o azienda, si avrà diritto a una riduzione del 25% sul singolo costo di partecipazione.

E-Learning

Coloro che non possono raggiungere la sede del corso possono fruire del corso a distanza mediante due modalità:

1° PIATTAFORMA AUDIO - Accesso on line ad un’area riservata della piattaforma FAD dalla quale è possibile effettuare il download dei files audio in formato mp3 e del materiale didattico in formato doc o pdf.

2° PIATTAFORMA VIDEO – Accesso ad un'area riservata su una piattaforma e-learning sulla quale è possibile seguire il corso in streaming. Sulla piattaforma sono garantiti a tutti i partecipanti anche dispense individuate e realizzate dagli stessi Relatori.

Le lezioni sulla piattaforma, disponibili sul sito www.direkta.it., possono essere fruite  sin dal primo giorno lavorativo successivo alla lezione svolta in aula.

Si ricorda che è assolutamente' vietata qualsiasi forma di riproduzione e diffusione non autorizzata della registrazione delle lezioni e delle credenziali per accedere alle stesse che sono di esclusiva proprietà intellettuale della Direkta Srl.

Le violazioni accertate saranno perseguite a norma di legge art. 171-ter legge n. 633/1941 e determineranno l'interruzione immediato del servizio senza alcun preavviso.

Pin It on Pinterest

Share This